impressioni e dettagli del cambio automatico

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

impressioni e dettagli del cambio automatico

Messaggio Da pex87 il Dom 27 Nov 2011 - 19:15

innanzi tutto c'è da dire che ci sono 2 versioni di automatico,quello classico che ho visto su una jazz al concessionario e il mio che non ho visto mai da nessuna parte;è un cambio automatico/sequenziale a 6 rapporti di quelli intelligenti,ovvero che cambia sia ad aumentare che a scalare a seconda della pressione che tu imprimi al pedale dell'accelleratore.io personalmente però utilizzo quasi sempre la modalità sequenziale perchè essendo un cambio automatico il freno motore è quasi inesisternte e sulle frenate energiche con l'automatico inserito e come se frenassi a "folle",invece se usi il seq.le cose migliorano un pò,ma neanche di molto;infatti dopo che cambio le pasticche una cosa come ogni 3 mesi e già ho cambiato i dischi ant. e post.,al prossimo cambio dischi mettero dei dischi forati e delle pasticche sportive per aumentare la frenata.apparte questo piccolo problema comune a tutti i cambi aut.per il resto è molto efficente con cambiate abbastanza veloci e paddle reattivi.pe alter info chiedete sarò lieto di rispondere a tutte le vorte curiosità.
avatar
pex87

Sesso : Maschile Messaggi : 4
Data d'iscrizione : 23.10.11
Età : 30
Località : pomezia

Tornare in alto Andare in basso

Re: impressioni e dettagli del cambio automatico

Messaggio Da Neon68 il Dom 27 Nov 2011 - 20:03

Forse l'altro cambio automatico che hai visto sulla Jazz è il CVT; è un cambio senza rapporti con due pulegge a diametro variabile che consente anche un utilizzo sequenziale con palette al volante a 7 rapporti "virtuali".

Questo è uno spaccato tanto per capirne grossomodo il funzionamento:



Sul CVT anche in modalità automatica, cambio in D, è possibile scalare varie marce con la paletta "-" per ottenere un buon freno motore, nel momento in cui si dà gas il cambio ritorna in modalità automatica, questo consente una diminuzione dell'utilizzo dei freni.
Non so se è possibile farlo anche sul tuo, ti chiedo conferma visto che non ho mai guidato l'i-Shift Honda.

_________________
(¯`·.¸ UAAR ¸.·´¯)
LEGGIMI! MODIFICHE ALLE AUTO DEL PROPRIO PROFILO
avatar
Neon68
Moderatore
Moderatore

Sesso : Maschile Messaggi : 1901
Data d'iscrizione : 16.04.11
Età : 48
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: impressioni e dettagli del cambio automatico

Messaggio Da dilo78 il Dom 11 Dic 2011 - 3:05

Ciao
mi pare strano, io trovo che l'I-Shift di freno motore ne dia parecchio, quando freno il cambio asseconda la frenata e scala rapidamente, talvolta mi trovo in seconda anche troppo presto rispetto alle attese. In montagna (in discesa) spesso uso la modalità manuale perchè mi tiene marce troppo basse.
L'unico modo per passare da manuale ad automatico è con la leva del cambio, non c'è un ripristino automatico dell'automatico con l'acceleratore

saluti

dilo78

Sesso : Maschile Messaggi : 18
Data d'iscrizione : 30.07.11
Età : 38
Località : Udine

Tornare in alto Andare in basso

Impressioni personali di Neon68: cosa mi piace di meno

Messaggio Da Neon68 il Sab 17 Dic 2011 - 9:44

Uso questa discussione per scrivere le mie riflessioni sul cambio CVT della Jazz.
Premetto che ne sono pienamente soddisfatto, ci tengo a sottolinearlo per evitare fraintendimenti, però questo mio post vuole mettere in risalto quello che mi piace meno.

Cosa mi piace di meno:

-La fluidità di marcia in sequenziale, ovvero anche guidando sportivamente con il motore spinto al massimo manca la bottarella al cambio marcia, questo ovviamente è dovuto alla mancanza di ingranaggi veri, sostituiti da una simulazione di 7 rapporti. La cosa è comprensibile e non si può porvi rimedio.

-Con il cambio in S modalità CVT (cambio continuo senza marce virtuali) a mio avviso si ottengono le migliori prestazioni, il motore gira alto e la progressione è notevole. Se però si preme una delle due palette al volante il cambio passa irreversibilmente in sequenziale; quello che manca è la possibilità di ritornare alla modalità CVT con cambio continuo senza rapporti virtuali, la cosa è possibile solo spostando la leva in D e poi di nuovo in S. Sarebbe stato possibile programmare la paletta dx con una lunga pressione per ritornare in questa modalità, così come avviene con cambio in D per uscire dalla momentanea modalità sequenziale (chi conosce il cambio sa di cosa parlo).

-Il cambio marcia automatico nella modalità sequenziale al raggiungimento del massimo numero di giri (6000 per la mia 1.4 i-Vtec); avrei preferito avere la possibilità di mandare il motore a limitatore (6500 giri), così come avviene con alcuni cambi elettroattuati (il Dual Logic o l'Abarth Competizione della Fiat).
Per notizia anche il DSG di VW sale di marcia automaticamente.

Questi tre aspetti sono il chiaro esempio di come questo cambio non sia nato per sportiveggiare con la macchina in giro per le strade, in pista poi non ne parliamo nemmeno. Agli ultimi due punti si sarebbe potuto intervenire elettronicamente per rendere la guida, diciamo sbarazzina, un pelo più caxxuta.

Chissà, magari la futura versione sportiva da un litro e mezzo....

P.S. Volendo chiedere tanto mi sarebbe piaciuto avere la possibilità di mettere in folle il cambio premendo entrambe le palette al volante, così come avviene per le supercar di serie.

_________________
(¯`·.¸ UAAR ¸.·´¯)
LEGGIMI! MODIFICHE ALLE AUTO DEL PROPRIO PROFILO
avatar
Neon68
Moderatore
Moderatore

Sesso : Maschile Messaggi : 1901
Data d'iscrizione : 16.04.11
Età : 48
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: impressioni e dettagli del cambio automatico

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum